Il supervisore della protezione dei dati dell’UE stabilisce lo standard per la protezione dei dati con Nextcloud

Post date

24 Febbraio 2023

Author

Jos Poortvliet

Mettendo in pratica ciò che predica, il GEPD distribuisce Nextcloud per la collaborazione interna e lo mette a disposizione di altre istituzioni dell’UE.

Serie di bandiere dell'UE davanti al Parlamento europeo
Photo by Guillaume Périgois on UnsplashMettendo in pratica ciò che predica, il GEPD distribuisce Nextcloud per la collaborazione interna e lo mette a disposizione di altre istituzioni dell’UE.

Il Garante europeo della protezione dei dati è un’organizzazione indipendente che ha il compito di monitorare e garantire che le istituzioni dell’UE rispettino il diritto alla privacy e alla protezione dei dati dei cittadini. Un anno fa, in una relazione sui sistemi di gestione delle informazioni personali, il EDPS aveva già citato Nextcloud come esempio di un’ottima soluzione per gestire in modo responsabile i dati personali e sensibili alla privacy.

Oggi siamo orgogliosi di dirle che il EDPS stesso ha implementato Nextcloud e, ancora di più, sta lavorando con il nostro partner TAS Cloud Services per renderlo disponibile a tutte le istituzioni dell’UE! Ciò significa che l’UE dispone ora di una piattaforma di collaborazione potente e completa, conforme alle leggi sulla protezione dei dati dell’UE e non solo approvata, ma utilizzata e offerta dal supervisore indipendente della protezione dei dati dell’UE. Citiamo lo stesso Garante europeo della protezione dei dati, Wojciech Wiewiórowski:

Il software open source offre alternative rispettose della protezione dei dati ai fornitori di servizi cloud su larga scala comunemente utilizzati, che spesso implicano il trasferimento dei dati personali delle persone in Paesi non appartenenti all’Unione Europea. Soluzioni come questa possono quindi ridurre al minimo la dipendenza da fornitori monopolisti e il dannoso vendor lock-in. Negoziando un contratto con un fornitore di servizi cloud con sede nell’UE, il EDPS sta rispettando i suoi impegni, come stabilito nella sua Strategia 2020-2024, per sostenere le IUE nel dare l’esempio di salvaguardia dei diritti digitali e di trattamento responsabile dei dati.

Wojciech Wiewiórowski, EDPS

Come molti di voi sanno, molte organizzazioni governative dell’UE, come in Svezia, Francia e Germania, che si preoccupano della privacy e della sicurezza, raccomandano e impiegano Nextcloud da anni.. È fantastico vedere la più alta autorità di conformità alla privacy dell’UE guidare questo sforzo!

Il EDPS ha implementato Nextcloud per “condividere file, inviare messaggi, effettuare videochiamate e consentire la redazione collaborativa, in un ambiente cloud protetto“. (enfasi nella citazione originale). Per consentire l’adozione di Nextcloud nell’UE, il EDPS ha collaborato con noi di Nextcloud e con il nostro grande partner TAS Cloud Services per migliorare l’integrazione di Nextcloud con EU login, il servizio di autenticazione degli utenti della Commissione Europea. I servizi cloud di EDPS e TAS offriranno ad altre istituzioni, enti e agenzie dell’UE la stessa soluzione implementata presso il EDPS.

Ciò significa che qualsiasi istituto dell’UE, dalla Corte di Giustizia al Parlamento, può ora disporre di una piattaforma di comunicazione e collaborazione sicura, facile da usare e pienamente conforme. Non è più necessario rischiare la sovranità dei dati affidandosi a piattaforme cloud non UE!

Nextcloud offre il modo più semplice per ottenere il controllo e la sovranità digitale sui dati e sulle comunicazioni per le organizzazioni che trattano contenuti sensibili o business critical. Come piattaforma di collaborazione open source e on-premises, offre trasparenza e controllo che nessuna piattaforma SaaS non europea può offrire. Citando il comunicato stampa del EDPS:

Acquistando il Software Open Source da un’unica entità nell’UE, si evita l’uso di subprocessori. In questo modo, il EDPS evita i trasferimenti di dati verso Paesi non appartenenti all’UE e consente un controllo più efficace sul trattamento dei dati personali.

Le parti interessate possono contattare Nextcloud o il nostro partner TAS Cloud Services per implementare un proof of concept della piattaforma di collaborazione che il EDPS ha implementato.

Illustrazione con testo GDPR, lucchetto, stelle UE e logo Nextcloud
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.